Image

Microsoft

La tecnologia è ormai un elemento comune della nostra vita personale e professionale e la sua adozione è sempre più fattore di inclusione o esclusione sociale e lavorativa. Per molte persone, infatti, la prospettiva di un mondo più accessibile e interconnesso è una promessa negata.

Tra queste, purtroppo trovano posto ancora le donne, il cui rapporto con la tecnologia in generale segna un gender gap significativo. In Italia le donne che lavorano e utilizzano le tecnologie sono molto meno degli uomini, anche se il loro numero cresce di anno in anno. Le cause vanno dalle barriere culturali, che finiscono per ostacolarne la carriera, alle scelte universitarie, dove nelle facoltà scientifiche - ingegneria e informatica in particolare - le studentesse rappresentano solo una piccola percentuale degli iscritti.

Per un’azienda come Microsoft favorire la diffusione della tecnologia e superare il divario di genere tutt’ora esistente è un impegno a creare un ambiente favorevole allo sviluppo delle potenzialità femminili in ogni ambito del loro vivere e agire.

Visita il sito!