Women’s Circle 2014: tutti insieme con le donne per vincere la fame.

Grande successo per la serata di raccolta fondi promossa da Oxfam Italia.

Women’s Circle 2014 ha permesso la raccolta di oltre 400.000 euro che saranno utilizzati da Oxfam Italia per liberare dalla fame e dalla povertà 6000 donne e le loro famiglie.

Ha avuto luogo lo scorso 20 novembre 2014 agli East End Studios di Milano, –Women’s Circle 2014, il grande evento di raccolta fondi organizzato da Oxfam Italia. Ilaria D’amico, Ambasciatrice Oxfam, affiancata da  Luca Bizzarri & Paolo Kessisoglu, ha presentato una serata all’insegna della buona musica. Gli artisti presenti sono stati Malika Ayane, Lisa Stansfield ed i Dire Straits Legends che hanno voluto mettere le loro voci al servizio di coloro che non riescono a farsi sentire, rinnovando  il senso più autentico del Women’s Circle ed allietando gli oltre 1.000 presenti in sala.

L’evento ha permesso a Oxfam di raccogliere oltre 400.000 euro tra le quote dei partecipanti, i contributi delle aziende sostenitrici, i proventi della sottoscrizione e le offerte della pesca benefica. Grazie ai fondi raccolti, Oxfam sarà in grado di liberare da fame e povertà 6.000 contadine e le loro famiglie: ad Haiti come in Ecuador o in Marocco, creando opportunità di lavoro e reddito, accompagnandole lungo tutta la filiera produttiva, dalla semina all’accesso al mercato. 

“Il grande successo di questo evento, il numero sempre crescente di alleati, partner, movimenti che infittiscono il nostro cerchio sono la prova di quanto sia sentito il problema delle donne - ha dichiarato la presidente Iachino -  Credo davvero che la rete che stiamo costruendo con Oxfam Italia potrà contribuire a un cambiamento per tutte le donne che non hanno diritti nel mondo. Voglio ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile Women’s Circle 2014, a nome delle tante donne del mondo che, sono sicura, vorrebbero farlo di persona. Il contributo di partner, aziende e sostenitori di Oxfam Italia aggiunto a quello di tutti gli altri partecipanti, aiuterà tante donne, lontane eppure vicine, dall’Ecuador al Vietnam, a coltivare e realizzare progetti di lavoro e di vita”.